Ricerca e Sviluppo

L’area Ricerca e Sviluppo è una divisione pensata e sviluppata per trovare soluzioni innovative per i nostri clienti e i servizi della comunicazione.

I nostri specialisti dell’area Digital e Software studiano le idee che diventano prodotti da sviluppare e da lanciare sul mercato.

Ingegneri informatici di altissimo livello sono impegnati 24h su 24 a pensare, dare forma e rendere di facile fruizione tutto ciò che Goproject decide di mettere in produzione o ritiene strategico per la crescita di Goproject, come il progetto Libro Firma Confirma, il sistema di Data analitycs Social Mediasoccer e il progetto di Ricerca H&H finanziato dal MIUR nell’ambito dei progetti SMART CITY. La divisione Ricerca e Sviluppo di Go Project è costantemente impegnata a trasformare le idee in strumenti tecnologici da lanciare sul mercato ma, al tempo stesso, alla ricerca di partner come università e centri di ricerca altamente specializzati.

Attualmente Go Project ha accordi di collaborazione e sviluppo con il Dipartimento di ingegneria la Sapienza DIET con la quale ha sviluppato diversi progetti ricerca e sviluppo.

La sfida

Progettazione di un sistema digitale per la valorizzazione e fruizione dei Beni Culturali.


La nostra soluzione

Go Project, insieme a ICTinnova e al Dipartimento di Ingegneria dell'informazione, elettronica e telecomunicazioni dell'Università Sapienza di Roma, per il progetto Tech4Art.

Il progetto Tech4Art prevede un sistema digitale per la valorizzazione, fruizione e gestione dei Beni Culturali attraverso la combinazione innovativa di più tecnologie ICT (Augmented reality; Virtual museum, social museum, participatory museum, QRcode, NFC, Beacon, indoor e outdoor geolocalization) e new media & audiovisual guide, web/mobile application.

La piattaforma implementa molteplici funzionalità che danno luogo ad un complesso di prodotti/servizi utilizzabili in tutte le tipologie di beni culturali, come la catalogazione smart utilizzando i QRcode e NFC opportunamente integrati con una tecnologia che consente di ospitare i contenuti multimediali di descrizione del bene nel portale del sistema; la valorizzazione dei beni con nuovi contenuti multimediali interattivi basati su realtà aumentata, attraverso video interattivi capaci di rendere più immersiva la fruizione; forme innovative e partecipate di fruizione, progettate e implementate in modo ottimizzato per le diverse tipologie di utenti, gli insider, cioè addetti ai lavori, gestori, catalogatori, studiosi e i visitor, cioè i turisti visitatori, gli amatori, gli studenti, gli innovatori.

Il prototipo di Tech4Art sarà sperimentato in un caso d’uso di grande livello culturale, costituito dallo scavo archeologico del Palatino nord-orientale a Roma, messo a disposizione dalla Direzione dello scavo che ha manifestato interesse quale end user. Si vuole in tal modo evidenziarne l’enorme interesse artistico e culturale e, quindi, la connessa crescita di attrazione che ne può derivare per i visitatori, in conseguenza dell’implementazione del sistema di fruizione, valorizzazione e gestione che il progetto propone, con evidenti, significative ricadute anche in termini economici Le ricerche archeologiche dirette dalla Prof. Clementina Panella, già professore ordinario di Metodologia della ricerca archeologica della Sapienza Università di Roma, hanno interessato nell’ultimo trentennio uno dei luoghi simbolo della città antica (Piazza del Colosseo ai piedi dell’Arco di Costantino e tutto il versante del Palatino che prospetta sulla Piazza del Colosseo e sulla Via Sacra).

I ritrovamenti hanno riguardato in questi anni edifici e monumenti precedentemente ignoti, fornendo un caso di studio straordinario per chiarire le dinamiche insediative e lo sviluppo urbano (dall’età protostorica all’età alto medievale) di uno dei settori più centrali della città antica finora completamente trascurato dalle indagini archeologiche. Hanno inoltre restituito, oltre a materiali di eccezionale valore storico-artistico, antiquario, storico (oggi esposti nei principali Musei della città), milioni di reperti, soprattutto in ceramica, in parte catalogati e studiati, in parte da restaurare e da riorganizzare alla luce dei loro contesti di provenienza.

Il progetto sarà realizzato con i fondi, messi a disposizione dal POR FESR Lazio, ottenuti con che per il progetto sono di un totale di € 381.344,15 per società ed Enti di Ricerca coinvolti.

La sfida 

Obiettivo generale del progetto è il miglioramento della “qualità della vita” di persone/famiglie sia con “aspetti di difficoltà” che senza particolari problemi, attraverso soluzioni che garantiscano la maggiore autonomia possibile all’interno del proprio ambiente, grazie anche alla possibilità di fruizione di una moltitudine di servizi di comune utilità, oltre a quelli di assistenza socio-sanitaria e di natura medica.


La nostra soluzione

Go Project ha progettato e sviluppato un'applicazione mira a creare un’assistenza al cittadino basata su una rete di servizi sanitari e sociali integrati su dispositivi interoperabili. L’applicazione è in grado di interrogare il CLOUD H@H al fine di prelevare i dati domotici e ambientali memorizzati e di presentare gli stessi in dashobard personalizzate.

I dati sono filtrabili per ogni singolo parametro domotico e ambientale e per un determinato intervallo di tempo. La presentazione dei dati avviene in modo automatico attraverso l'uso di dashboard contenenti grafici e tabelle.

L'applicativo sviluppato da Go Project riceve le notifiche dal cloud H@H, che rimane aggiornato sullo stato delle azioni compiute dal paziente. Le notifiche vengono ricevute tramite una chiamata HTTP REST proveniente dal cloud H@H che indica l'azione da far compiere al paziente e che permette al medico di leggere i test del paziente.


Data

Ottobre 2013 - novembre 2015


La sfida 

Creazione della piattaforma DIET+ (Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni) dell’Università La Sapienza di Roma.


La nostra soluzione

Una piattaforma di social network verticale che mette in contatto mondo del lavoro, dell’università e della ricerca e ne favorisce gli sviluppi interdisciplinari. La parola-chiave è condivisione di competenze. Il know-how prodotto nei vari Laboratori di Ricerca ottiene una chance in più di essere ulteriormente sviluppato e favorire l’innovazione tecnologica nelle aziende del settore.


I risultati

Maggiore visibilità delle ricerche condotte a livello universitario. Maggiori opportunità di sviluppo concreto per le aziende. Ulteriori occasioni di rendere esecutivi i progetti che nascono all’interno dei Laboratori di ricerca.


Data

dal 2018


Link al progetto

https://www.dietpiusocial.it


Social Media Soccer è la piattaforma ideata da Go Project che analizza il mondo del calcio secondo una speciale lente di ingrandimento: il rapporto tra le squadre, i calciatori, gli allenatori e i social.

Scopri il nostro prodotto

La sfida 

Realizzare un tool di analisi per valorizzare l’attività social dei protagonisti del mondo del calcio (giocatori, allenatori, team e sponsor).


La nostra soluzione

Social Media Soccer analizza i profili social della Serie A italiana acquisendo dati, sulla base dei quali sviluppare infografiche che mostrano l’andamento dei vari profili. La piattaforma si avvale di 3 strumenti:

  • l’algoritmo, ideato dall’Università La Sapienza di Roma, analizza e mostra il “Social Media Value”, che indica quanto sia efficace l’attività social di un soggetto e il relativo valore economico.
  • Il Twitter Challenge, gioco social, confronta l’attività delle squadre su Twitter durante le giornate di campionato.
  • Il blog, periodicamente aggiornato con news, interviste e approfondimenti.

I risultati

Uno strumento che combina insieme analisi e applicazioni: Social Media Soccer unisce mondo del calcio e del marketing e da informazioni concrete sul business, utili per tutti i protagonisti del settore.


Data

dal 2017


Link al progetto

http://www.socialmediasoccer.com/it/home.html


Confirma è un sistema ingegnerizzato in grado di gestire su Tablet e dispositivi mobili la creazione e la modifica di documenti e la loro autorizzazione attraverso la firma autografa.

Il progetto Confirma è nato grazie alla collaborazione Go Project srl, Xister, Auris e Diet Università La Sapienza di Roma, nell’ambito dei progetti del PORFER 2015 Avviso pubblico “Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio” di cui al POR FESR Lazio 2007/2013 Asse I.


Go Project S.r.l. è iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche, Art. 64, comma 1, DPR 11 luglio 1980 n. 382 con il codice identificativo 62132EBQ*.

*codice è obbligatorio per accedere ai finanziamenti pubblici in materia di ricerca e/o formazione e costituisce un identificativo dell’ente per le finalità previste dal D.P.R. 11/7/1980 n. 382.